martedì 5 gennaio 2016

Istat: per il terzo anno di fila frena l'inflazione, toccato minimo dal 1959

Il tasso d'inflazione medio annuo nel 2015, +0,1%, risulta il più basso dal 1959, ovvero da 56 anni, oltre mezzo secolo. E' quanto emerge dalle serie storiche dell'Istat. L''Istituto ricorda che nel '59 l'Italia era in deflazione (il tasso risultava pari a -0,4%). Ma il cosiddetto "carrello della spesa" nel 2015, in media d'anno, è risultato più caro che nel 2014, salendo al +0,8% dal +0,3% dell'anno precedente.

Inflazione, terzo anno consecutivo in frenata - Nelle stime l'Istituto di statistica rileva che l'inflazione rallenta ancora: in media d'anno nel 2015 frena, per la terza volta consecutiva, portandosi al +0,1% dal +0,2% del 2014. Il tasso a dicembre è rimasto fermo, su base annua, allo 0,1% (lo stesso valore di novembre). 
Il 2015 segnato dal crollo dei prezzi dei carburanti - Il 2015 sul fronte prezzi è stato segnato dalla caduta dei listini relativi ai carburanti. L'Istat sottolinea infatti per i beni energetici non regolamentati una diminuzione nel 2015 pari a -10,3%. Una flessione molto più forte di quella registrata nel 2014 (-2,1%). 
Inflazione, Eurostat: a dicembre in Ue-19 stabile a 0,2% - Per quanto riguarda l'Eurozona, il tasso d'inflazione a dicembre è stabile a 0,2%, rispetto al mese di novembre. E' la stima flash di Eurostat. Analizzando le componenti principali che determinano il tasso inflazione nella zona euro, cibo, alcol e tabacco dovrebbero conoscere il tasso annuale più elevato a dicembre (1,2% a confronto dell'1,5% di novembre). Seguono i servizi (1,1% contro l'1,2% di novembre), i beni industriali non energetici (0,5%, stabile rispetto a novembre) e l'energia (-5,9% , rispetto a -7,3% a novembre).